Marco Camandona

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Note biografiche
Marco Camandona vive e risiede in Valle d’Aosta, sposato con la sua compagna di vita Barbara, Alpinista di fama internazionale, guida alpina e maestro di sci alpino, è allenatore federale di scialpinismo. Direttore tecnico, da più di 20 anni, della gara internazionale di scialpinismo a tappe "Millet Tour du Rutor Extrême”,  è atleta di sci alpinismo e di ultra trail, giudice della Federazione internazionale di sci alpinismo e membro del Soccorso Alpino della Valle d’Aosta.

Marco è salito sulle vie più  impegnative delle Alpi, dal Monte Bianco alle Dolomiti, aprendo vie nuove in Himalaya come la via "Princess Cecile Line” al Churen Himal  (7371m) nel 2012
Dal 1996 ad oggi, ha preso parte a più di venti spedizioni alpinistiche e ha intrapreso viaggi d’avventura in tutto il mondo, salendo su cinque delle montagne più alte di ogni continente. Per sette  volte è salito su una cima principale di 8000 metri senza l'ausilio dell'ossigeno. Marco è stato tra i pochi eletti al mondo ad aver salito le tre montagne più alte del mondo l'Everest (8848 m) nel 2010 il k2 (8610 m) nel 2000 e il Kangchenjunga (8586 m) nel 2014, in oltre ha salito le terribili Annapurna (8091 m) nel 2006 e il Makalu (8463m) nel 2016.
Marco nel 2015 si è dedicato ad un progetto umanitario in Nepal, creando insieme alla sua squadra, la ONLUS  SANONANI che in Nepalese significa Piccolo Bambino. Il loro aiuto vuole essere rivolto non esclusivamente ai bimbi soli, ma anche a quelle famiglie che non possono dare sostentamento a figli numerosi,  l’intento è di creare una vera e propria casa famiglia dove chi ha bisogno, potrà trovare un pasto caldo, un letto e tutto il sostegno necessario.
NAMASTE

"Se mi fosse dato di vivere senza la possibilità di sognare e di lottare per un sogno, bello quanto inutile, sarei un uomo finito."
G. Gervasutti